Comprensione della Diversità di Genere e Sesso

Assegnazione del Sesso alla Nascita e Variazioni Biologiche

Alla nascita, ad ogni persona viene assegnato un sesso sulla base degli organi sessuali visibili: femminile se ha una vulva, maschile se ha pene e testicoli. Tuttavia, a livello biologico, le cose sono più complesse: il sesso è legato anche ai genitali interni, ai cromosomi sessuali, all’assetto ormonale e ai caratteri sessuali secondari; esistono, pertanto, molte variazioni rispetto alle categorie di maschio e femmina, e in questi casi parliamo di persone intersessuali, che presentano dunque caratteri sessuali tali da non poter essere ricondotti inequivocabilmente alla nozione binaria di sesso maschile o femminile.

Il Concetto di Genere: Aspetti Psicologici e Culturali

Il concetto di genere riguarda gli atteggiamenti, i sentimenti ed i comportamenti che in una data cultura sono associati al sesso di una persona; viene assegnato alla nascita in base alle norme condivise che postulano una associazione tra sesso e genere. Il genere ha, dunque, una dimensione sia psicologica che culturale: è legato al senso di appartenenza e all’identificazione con i modelli socio-culturali di femminilità, mascolinità o intersessualità.

Identità di Genere: Cisgender, Transgender, e Non-Binario

L’espressione identità di genere si riferisce alla percezione che ognuno ha di sé in quanto donna, uomo o altro. Le persone cisgender si identificano completamente con il genere cui sono state assegnate alla nascita; in questi casi, sesso assegnato, genere assegnato e identità di genere sono congruenti. Utilizziamo, invece, il termine ombrello transgender per indicare le persone che non si identificano completamente con il genere assegnato alla nascita e che percepiscono incongruenza (sentimento di non armonia) tra la propria identità di genere, le caratteristiche socio-culturali attese per il sesso assegnato alla nascita e/o le caratteristiche del corpo sessuato; sesso assegnato, genere assegnato e identità di genere non sono congruenti in qualche loro aspetto. Le persone di genere non binario non si identificano con la classica distinzione binaria di genere M/F, il cui senso soggettivo di genere non si riconosce quindi né come il femminile, né come il maschile. Non-binary è un termine ombrello sotto il quale sono raccolte diverse identità, tra cui quelle definite non binarie, oppure agender, pangender, genderqueer ecc.

Il termine queer è usato oggi per comprendere tutte le identità sessuali non eterosessuali. Genderqueer definisce le persone di genere non binario che si oppongono agli stereotipi sui generi e si riconoscono in un mix personale di caratteristiche che possono essere associate al genere femminile o a quello maschile. Genderfluid descrive le persone di genere non binario che si riconoscono nel genere femminile o in quello maschile in certi periodi della vita e non in altri. Le persone gender questioning si stanno ancora interrogando sulla propria identità di genere. Agender sono le persone che preferiscono non definirsi con nessuna categoria di genere.

Genere come Spettro: Da Binario a Non-Binario

Il genere è, dunque, un costrutto non binario, bensì uno spettro che ammette un’ampia gamma di possibilità delle identità di genere e l’identità di genere di una persona può essere o meno congruente con il sesso assegnato alla nascita.

Dinamiche Culturali e Personali

Il ruolo di genere si riferisce invece al pattern di atteggiamenti, personalità e comportamento che in una data cultura è associato all’essere uomo/maschio o donna/femmina. L’espressione di genere è il modo di presentarsi di un individuo, in riferimento ad apparenza fisica, all’abbigliamento, agli accessori preferiti e ai comportamenti che riflettono aspetti dell’identità o del ruolo di genere. Ruolo ed espressione di genere variano nel tempo e nelle culture.

Orientamento Sessuale e Identità Sessuale: Definizioni e Differenze

Il genere e l’identità di genere non c’entrano con l’orientamento sessuale, che è una caratteristica tendenzialmente stabile che indica il genere e le caratteristiche sessuali oggetto di attrazione erotico-affettiva: eterosessuale se l’attrazione è rivolta verso l’altro sesso, omosessuale se l’attrazione è rivolta verso lo stesso sesso, bisessuale se l’attrazione è rivolta verso entrambi i sessi, pansessuale se il genere non è un fattore di attrazione e la persona è dunque attratta da chiunque, a prescindere dal suo genere. Le persone asessuali non provano desideri sessuali per nessuna persona, ma possono comunque provare sentimenti romantici. L’identità sessuale si riferisce all’esperienza soggettiva dell’orientamento sessuale, includendo una dimensione sia personale, che riguarda l’orientamento sessuale in cui la persona si riconosce e i relativi vissuti, sia pubblica, che ha a che fare con le modalità attraverso le quali la persona lo dichiara agli altri. L’identità sessuale, dunque, si sviluppa nel tempo e subisce l’influenza del contesto culturale e sociale.

 

Contattaci al numero: 02 8426 8020 oppure prenota la tua prima visita con la nostra psicologa

PRENOTA

Vuoi restare sempre aggiornato?